21 Luglio 2024

Quando una casa non nasce intelligente è inutile farle fare il brain training.

Ci si chiede quindi quale sia il modo migliore per rinnovare l’impianto elettrico casalingo senza dover abbattere muri e spendere cifre esorbitanti. In realtà esistono svariate tecnologie che permettono l’introduzione della domotica anche in stabili di vecchia costruzione: il protocollo x10 permette la totale indipendenza dei dati da quella elettrica pure facendo passare gli stessi dati attraverso i cavi della normale 220. Altro protocollo molto usato è quello RF (radio frequenza) simile al wifi che ci permette di collegarci ad internet nelle nostre case.

I progettisti, dal loro canto, sono più propensi a progettare durante la costruzione della casa piuttosto che farlo successivamente poiché le due tecnologie elencate hanno un pò di svantaggi: l’x-10 ha dei comportamenti anomali in presenza di trasformatori e la velocità con cui scambia i dati non è ottimale; d’altra parte siamo bombardati da onde elettromagnetiche e il protocollo RF ne aumenterebbe la quantità direttamente nella nostra casa.

Principale obiettivo della domotica, invece, è quello di abbattare lo smog elettromagnetico in casa. Infatti, in un sistema cablato avremo, sui nostri interruttori, una tensione di soli 5 volt anzicché la tensione standard.

Questo è il motivo per cui, ultimamente, si tende a cablare preventivamente la casa con un bus. E forse, tra qualche decennio, la domotica sarà in tutte le nostre case.

4 thoughts on “Progettare la domotica in un vecchio edificio: protocollo x10

  1. Organizzare un impianto domotico nella propria abitazione potrebbe essere un problema per chi è in affitto, in una casa non di sua proprietà, dove non può fare modifiche strutturali importanti.
    I prodotti x-10 ci vengono incontro perché per installarli non serve stravolgere l’arredamento o la struttura della casa e dunque si possono installare anche in una casa in affitto e in un eventuale trasferimento ci seguono nella nuova casa. Basta reinstallare il circuito e il gioco è fatto.
    Sul sito http://www.nicoshop.com/cat051.html è possibile trovare anche altre informazioni utili, ve lo consiglio

  2. Dimenticavo che anche la Konnex mette a sua disposizione dispositivi con lo stessa tecnologia dell’X-10: la tecnologia PL-110 o più veloce PL-132(PL sta per power line)…Ovviamente, informazioni più tecniche si trovano sul sito dell’associazione Konnex

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *